Villa Giuseppe Faccanoni (1907) – Sarnico

Una bella descrizione della vita di Giuseppe Faccanoni si trova in “Faccanoni” di Antonio Giorgi che scrive “Giuseppe Faccanoni era il tipico signore della “Belle Epoque”.

Bell’ uomo, di portamento distinto che si notava subito per l’ eleganza (…) aveva girato molto per l’Europa e conosceva moltissime persone di rango.” Nato a Savona, il 5 novembre 1863, ha poi collaborato con i fratelli e con gli altri parenti nell’ esecuzione di grandi lavori nel territorio dell’ex Impero Austro Ungarico.

Uomo d’ affari, abile e preciso, e’ stato sempre un elemento prezioso, un sostegno efficace per tutte le imprese Faccanoni. Uomo sportivo e appassionato di nautica, pur conservando sempre una casa a Milano, si era ritirato infine nella sua splendida villa di Sarnico. Anch’ egli, infatti, come i fratelli Pietro e Luigi, si era rivolto al grande architetto milanese Giuseppe Sommaruga, per farsi costruire una villa sul lago di Iseo.

La scelta del luogo, l’ orientamento dell’ edificio, che vede il lago longitudinalmente, si impongono subito anche al profano. Giuseppe Faccanoni ha convissuto con Maria Fabbro, morta a soli 35 anni, sepolta nel Mausoleo. Poi ha deciso di rifarsi la vita sposandosi all’ eta’ di 51 anni a Milano con Alessandra Riccardi. Hanno avuto due figlie (Liliana e Jolanda Faccanoni).

Liliana ha salvato la vecchia villa del Sommaruga (tanto cara a suo padre) e l’ ha restaurata dopo l’ occupazione militare tedesca degli ultimi anni di guerra. Allo scopo di conservare il cognome Faccanoni, la zia Liliana nel 1979 ha ottenuto dal Tribunale di Bergamo l’adozione del nipote Giuseppe Marco Tobias”.

Il Giorgi ricorda nel suo libro di aver visto da bambino il film “Crevalcore” con lo sfondo della villa del regista Romolo Bacchini prodotto dalla Armenia Film di Milano nel 1917 con gli attori di allora Italia Almirante Manzini, Gigi Armandis, Giulietta De’ Riso, Luigi Duse ecc. Il soggetto era stato tratto dal popolare omonimo romanzo pubblicato nel 1907 da Neera. Altri film in cui la villa compare, tra gli altri, sono “Sabato, Domenica e Venerdi'” di Adriano Celentano e “Le Ali della Farfalla” di Marco Bellocchio.

La villa e’ indubbiamente l’ opera piu’ conosciuta fra quelle progettate a Sarnico per i Faccanoni. Con la palazzina milanese per i Galimberti (1908) e questa di Sarnico Sommaruga raggiunge la sua piu’ personale definizione di “villino” o, come di fatto era titolato il progetto originale, “villino per scapolo”. Progettata anch’ essa come la villa Passeri nel 1907, e’ circondata da un bel parco romantico con un viale tortuoso. Posta sulla riva del lago e’ la villa piu’ suggestiva.

Infatti qui, ancor piu’ che nelle altre realizzazioni di Sommaruga, l’ opera architettonica nasce insieme alla natura circostante, intimamente legata ad essa nelle sue forme principali e contemporaneamente imponendo al paesaggio una rivoluzione morfologica, con la creazione ex novo di una penisola antistante il fronte lago che permetta la disposizione longitudinale della villa e della facciata al lago nella direzione della massima prospettiva. In quest’ epoca veniva copiata nel giardino l’ esperienza d’ Oltremanica: era piu’ un’ immagine idilliaca che la pittura romantica andava delineando.

La natura e’ cosi ritrovata e rivalutata in tutta la sua casualita’ e quando non sembra sufficientemente casuale viene “aiutata”. Le coeve esperienze anglosassoni rivestono un ruolo di guida e ispirazione condizionando l’ evolversi dell’ idea di giardino in tutta l’ Eu ropa del XIX secolo. Il paesaggio e’ ondulato ma senza brusche interruzioni, senza spigoli. Scompaiono gli assi di simmetria. I percorsi serpeggiano e sono evitati gli angoli retti. In fondo al giardino: un bel gazebo, luogo destinato alla contemplazione e al piacere estetico.

A lato di questo, una volta separato da un muro a secco, era il frutteto modello e l’aranciera. Questa villa, realizzata prima della villa “Surre”, corrisponde meglio alla ricerca di un’architettura “vitale”, o meglio “organica”: non esistono quindi le tradizionali facciate, ma piuttosto punti di vista privilegiati che, sommandosi, invitano l’osservazione complessa e apparentemente inafferrabile nella sua totalita’. Il primo impatto: il cancello di ferro battuto del Mazzucotelli.

Vediamo il tema utilizzato dall’artigiano-artista anche nelle altre due cancellate delle ville Faccanoni in Sarnico e nella cancellata di Credaro: impressionanti sviluppi plastici (tipici nastri piatti a spirale che mettono in evidenza l’abilita’ tecnica dell’esecutore).Gli attacchi della cancellata con i bulloni messi in evidenza; l’aggancio al muro decisamente piu’ complesso, organico, la mosca in bella evidenza richiama lo stile tipico di Sommaruga.

Il fiocco e il nodo li ritroviamo anche nelle altre sue ville. A sinistra, entrando, la scuderia adesso e’ la casa del custode. Negli “Archivi del Liberty italiano” di Rossana Bossaglia, importante studiosa dell’Art Nouveau, la villa viene cosi descritta: “(…) Edificio a due piani. con mansarde, terrazzo torre, bovindi; ingresso principale sull’ angolo smussato prospiciente il lago. Rivestimenti in pietre diverse, con decorazioni in cotto, cementi figurati e ceramiche. Animatissima nella pianta, che sviluppa una serie di vani funzionalmente annodati senza corridoi di disimpegno e nell’alzato su vari livelli; curatissima nell’ideazione architettonica e nella realizzazione delle parti decorative, costituisce forse, fra quante opere di Sommaruga ci sono conservate, il suo capolavoro.”

L’ ESTERNO

La villa e’ costituita dall’alto basamento in pietra il cui effetto di solidita’ e’ contraddetto dall’aprirsi delle scalinate, di finestre e balconi; due file a bassorilievo in cemento ideato dallo scultore, fedele collaboratore dell’architetto, Ernesto Bazzaro, con motivi a fiori. Ceramiche colorate dai colori pastello con l’inserto dello stesso disegno floreale che unifica la zona centrale sovrastante. Logge e balconi, diverse per forma e dimensioni. Interessante notare l’uso dei diversi tipi di materiali da costruzione: dal bugnato alla pietra di Sarnico, al medolo di Credaro trattato sia a taglio liscio che grezzo.

Il tetto infine, non e’ una semplice copertura, ma introduce un’ulteriore elemento di variazione, interrotto dalle falde poste a livelli diversi, dai belvedere e dai grandi camini. Non mancano le citazioni fantasiose, come i due “rostri” che dall’alto si protendono verso il lago, o come il balconcino circolare d’angolo che ricorda le “cantorie” rinascimentali. Questa grande villa segna, secondo Manfredi Nicoletti; “il fondo di una ricerca involuta, il cui narcisismo e’ accentuato proprio da quelle valenze che vorrebbero mascherarne la gratuita’: i contrappunti volumetrici, le esasperazioni di un frammentarsi non necessario e quindi ipertrofico delle funzioni (… ). ). Quest’opera, tuttavia, tenta delle evasioni non trascurabili, sintomo di una inquietudine autentica”. Anche se Sommaruga ha voluto fornire del Modernismo una versione estremamente personalizzata, si possono vedere pero’ le affinita’ non irrilevanti del francese H. Guimard, all’interno della sua produzione.

Le attinenze con il francese si vedono nella concezione pittorica dell’architettura che si rivela soprattutto nell’adozione di tetti spioventi, intersecati fra loro, con gronde fortemente aggettanti, un uso di materiali di rivestimento (pietre, cemento) teso a trarre vistosi effetti luministici e cromatici o l’impiego di travature di legno di cui si vuole evidenziare il carattere rustico-montano. Sommaruga non immaginava mai una disposizione planimetrica senza che questa corrispondesse ad uno scopo ben determinato. L’esterno era disciplinato con l’interno.

Il rischio di un’operazione di questo genere e’ che manchi una complessiva organicita’ dell’opera. L’architetto riesce tuttavia a rompere gli schemi tradizionali della progettazione accademica e a raggiungere sorprendenti effetti di imprevedibilita’. Si possono vedere anomali dosaggi di asimmetria dei vani – porte e finestre – variazioni di intensita’ luminosa e cromatica dovute alla diversa profondita’ dei vani e degli aggetti: logge, balconi, pensiline, partiti decorativi e bow-windows, o all’impiego di materiali differenti.

 

 

Si puo’ solo intuire lo schema dell’affaccio successivo e si puo’ alludere, ma non cogliere completamente la logica spaziale degli interni. Il modernismo internazionale ha voluto creare nuove spazialita’, che si possono ritrovare anche nel Liberty italiano. Sommaruga ha saputo indubbiamente dar luogo a originali sequenze con l’impronta di italianita’. In questa villa Sommaruga fa uso del genere di montanti-contrafforti che gia’ aveva usato anche nell’albergo Tre Croci di Campo dei Fiori e che anticipano il linguaggio di Sant’Elia. I montanti erigendosi verticalmente davano slancio ulteriore alla costruzione. L’arredo e la decorazione della villa (stucchi e cementi plastici), costituiscono la cifra piu’ siglata e inconfondibile del suo stile decorativo. Nella decorazione a stucco egli inventa lo stilema peculiare di uno stucco piatto lavorato ad intaglio, con curiosissimi effetti grafici, con risultati piu’ contenuti che negli interni di villa Passeri, trasferendolo anche all’uso di altri materiali per un impiego come quello in cotto della villa Luigi Faccanoni (1912).

La sensibilita’ al trattamento della materia, punto fra i piu’ significanti della poetica sommarughiana, tocca il culmine dell’intensita’ espressiva in alcuni esempi di questi cementi plastici. La ripetizione di certi motivi, come la voluta, che progressivamente perde ogni allusione geometrica o fitomorfica per trasformarsi in un irregolare groppo materico, testimonia in Sommaruga la volonta’ di affermare, in una sigla sua e irripetibile, l’autonomia della sua ricerca. Arata, aveva gia’ ben intuito quando affermava che Sommaruga ripeteva certi suoi motivi:..” perche’ ne aveva fatto altrettanti postulati della sua personalita’, perche’ erano creazioni essenzialmente sue e soprattutto perche’ prima di lui nessuno aveva fatto alcuna cosa simile”. Anche nel giardino si ripetono motivi decorativi soprattutto zoomorfi, come le tartarughe ed aragoste che sostengono i grandi vasi dei gerani, o gli animali reali o immaginari che si affacciano dalla villa sul giardino: lumache,ma anche scimmie, lemuri a testimonianza del gusto per l’esotismo del periodo.

Oggi chi dalla grande cancellata ad esedra dell’ingresso percorre uno dei viali che scendono alla villa, costruita in modo che il passaggio lacustre divenga parte essenziale del suo interno, e poi oltre la villa nota il protendersi sinuoso del parco verso l’acqua in una parte che in realta’ e’ costruita su palafitte, puo’ rendersi conto che l’invenzione fondamentale dell’architetto e’ stata quella ambientale.

La fantasia formale e cromatica profusa all’esterno con l’uso di materiali diversi, che e’ parsa a qualcuno eccessiva e ad altri stimolante, riceve significato da questa volonta’ non solo di confrontarsi con il paesaggio, ma in qualche modo di reinventarlo. Questa volonta’ di progettare un continuum spaziale tra l’interno e l’esterno e’ testimoniato anche dal numero degli accessi (ben sette) che permettono di accedere alla villa da qualunque lato e dalla relativamente modesta imponenza dell’ingresso principale.

L’ INTERNO

Questa villa ha perso l’arredamento originale, di cui rimangono, peraltro spostate dalla posizione originaria, soltanto alcune plafoniere ed il bellissimo lampadario in ferro battuto che dominava la sala da pranzo. La singolarita’ dell’interno e la reale stupefacente valenza architettonica della villa si rivela nella disposizione dei vani e dei punti di vista che riesce a creare, al suo interno, una continuita’ di spazi che si snodano a elle intorno all’atrio-vano-scala, avendo come perno e centro focale l’ampio locale che si apre ad angolo verso il giardino. Uno scalone a tre rampe ha un soffitto che si raccorda sinuosamente alle pareti e una ringhiera in ferro battuto del Mazzucotelli dove sono replicate, come in altri luoghi, le iniziali G.F. del committente. Lo scalone con la ringhiera in ferro e’ ricorrente nelle altre due ville; sempre in posizione centrale un’ampia vetrata con intelaiatura in ferro. Nel salone il camino, costituito dalla pietra di Sarnico e dei pezzi di marmo grigio scuro con dei motivi zoomorfi scolpiti nella pietra e con lavorazione del ferro del Mazzucotelli.

Al primo piano e’ sapientemente distribuita una serie di camere con bagno ben proporzionate, provviste di balconi e di loggiati diversi per forme e prospettive in ciascuna camera. Ogni camera si affaccia al ballatoio del grande scalone ed e’ intercomunicante con le altre. La stretta relazione tra l’architetto ed il committente e’ ben visibile dalla camera padronale, affacciata con tre grandi finestre sull’angolo a lago: la disposizione della terrazza e della porzione di giardino ricavata dal lago e finanche dalla visuale “per il lungo” del lago danno l’impressione di trovarsi sulla tolda di una nave o di una vela, vera passione di Giuseppe Faccanoni (testimoniata anche dal gancio portavela situato sul soffitto della scala di servizio). Sopra, un altro piano con camere di servizio piu’ tradizionalmente disposte lungo un corridoio. Dal seminterrato si puo’ scendere direttamente alla darsena.

Attraverso i disegni pubblicati dal Monneret de Villard e’ possibile seguire l’evoluzione del progetto in alcune modifiche successivamente apportate: il primo schizzo, datato 27 agosto 1907, presenta una soluzione con torretta terrazzo e il coronamento dei due montanti che inquadrano l’ingresso principale risolto con due cupole schiacciate; nel secondo schizzo prospettico queste ultime vengono eliminate; nella versione definitiva, eliminata anche la torretta, rimane solo la soluzione del Terrazzo. Quello che manca in maniera pressoche’ totale e’ un approfondimento sulla spazialita’ sommarughiana. Solo Arata accenna brevemente al problema. Da alcune fotografie scattate all’epoca della costruzione, si puo’ notare come alcuni particolari (come la forma delle finestre del seminterrato) vennero modificati gia’ ad opera quasi ultimata. La villa si trova in buono stato di conservazione. Attualmente e’ ancora di proprieta’ Faccanoni.

A cura di A. Vaini Sarnico, 1986 In “Faccanoni”di A. Giorgi Predore, 1995

In “Giuseppe Sommaruga” di E. Bairati – D. Riva ed. Mazzotta Milano,1982

Testi e foto a cura di Isa De Luca

  • Villa Faccanoni è una residenza privata, visibile dal lago. Nel corso dell’anno previste aperture straordinarie in occasione di specifici eventi. Per informazioni contattare l’Ufficio IAT Basso Sebino al n. 035 910900

Scrivi Recensione

Pubblicato in ABITAZIONI STORICHE BERGAMO, ITINERARI BERGAMO, Laghi Bergamaschi Cosa Visitare, LAGO D'ISEO Cosa Visitare, PROVINCIA BERGAMO, Sarnico Cosa Visitare, VILLE ANTICHE BERGAMO, Ville Antiche Sarnico, Ville Liberty Bergamo, Ville Liberty Laghi Bergamaschi, Ville Liberty Lago d'Iseo, Ville Storiche Laghi Bergamaschi, Ville Storiche Lago d'Iseo e ZONA ITINERARI BERGAMO

ATTIVITA' di Sarnico

Attività SarnicoNegozi SarnicoAziende SarnicoServizi SarnicoLocali SarnicoRistoranti SarnicoPizzerie SarnicoItinerari SarnicoPaese SarnicoComune SarnicoDove andare SarnicoInformazioni SarnicoNotizie Sarnico Info Sarnico Storia SarnicoPersonaggi Sarnico Numeri Utili Sarnico Curiosità Sarnico Popolazione Sarnico Frazioni Sarnico Vivere Sarnico Informazioni Turistiche Sarnico Sarnico Comune Sarnico Informazioni Sarnico Paese Sarnico Fotografie Immagini SarnicoSarnico FotografieFoto SarnicoEventi SarnicoScuole SarnicoAssociazioni SarnicoHotel SarnicoDove Dormire SarnicoOggi SarnicoDove Mangiare Sarnico

SCHEDE SIMILI