Palazzo Colleoni – Cortenuova

La costruzione di villa Colleoni da parte della casata omonima è collocabile poco dopo la metà del settecento e dalla fonte attendibile di Francesco Maria Tassi, contemporaneo degli eventi, sappiano con certezza che il progetto della villa a Cortenuova è di Filippo Alessandri, al quale è attribuita anche Villa Terzi di Trescore Balneario, di poco precedente.

Nel lungo prospetto simmetrico la residenza padronale, collocata al centro, assume il giusto risalto sia nella definizione architettonica sia nella volumetria: si tratta di un edificio a pianta quadrata a due piani che si affaccia sul più tardo giardino all’inglese.

Il fronte è tripartito da lesene e la campata centrale si differenzia sia per l’alto timpano curvilineo sia per la serrata disposizione delle strette e alte aperture, al piano terra, con terminazione ad arco ricavate in spessore di muro e al primo piano con gli elaborati balconcini rococò in ferro battuto. Filtra l’accesso al grande salone terreno un atrio che era affiancato lateralmente da due rampe di scale speculari, in pietra di Sarnico, che salivano al piano nobile (lo scalone di sinistra è stato eliminato agli inizi del secolo XIX).

Il salone centrale riporta affrescato sul soffitto a padiglione l’Aurora di Francesco Domeneghini testimonianza di lavori avvenuti sotto il possesso della famiglia Genoulhiac (dal 1880) o, più presumibilmente, dei Morlani (tra il 1900 e il 1019) mentre le parti di raccordo potrebbero essere riprese di decorazioni settecentesche. I sovraporta recavano tracce di ovali entro i quali erano inserite delle tele attribuite al Magnasco. Sulla parete orientale si trova il monumentale camino in pietra arenaria con decorazioni a stucco di angeli che reggono una corona che racchiuse due stemmi: uno colleonesco, con leone, e l’altro cardinalizio. Gli stessi stemmi, ad eccezione del leone, sono visibili in pietra arenaria sulla facciata interna della corte, racchiusi da eleganti cartigli con sottostanti visi quasi reali.

La villa era luogo di villeggiatura ma anche centro dell’azienda agricola dei Colleoni; le dimensioni di questa struttura, caratterizzata dalle lunghe ali frontali che affiancano la residenza, è definita da una cortina continua che, sul retro, forma un’ampia corte rettangolare. Tale impostazione è visibile cartograficamente nella mappa del catasto napoleonico datata 1810. Bella e armoniosa è la sequenza architettonica dei portici a doppio ordine, aperti ad arco ribassato al piano terra, tamponati con sequenza ritmata di aperture al piano superiore. Nella campata centrale si eleva un alzato a cento concluso da timpano convesso. L’accesso carrale situato sul lato orientale reca lo stemma in pietra di Sarnico, dal gusto rinascimentale, del Colleoni.

Filtra l’accesso al grande salone del piano terreno un atrio che era affiancato lateralmente da due rampe di scale speculari (ora resta solo quella di destra) in pietra di Sarnico, che salivano al piano nobile. Il salone centrale riporta affrescato sul soffitto a padiglione l’Aurora di Francesco Domeneghini.

Sulla destra del salone centrale si trova il monumentale camino in pietra arenaria con decorazioni a stucco di angeli che reggono una corona che racchiude due stemmi: uno colleonesco, con il leone, e l’altro cardinalizio. Il salone superiore si affaccia verso il giardino inglese; esistono alcuni dettagli che invitano a ipotizzare la totale ripartizione del piano sottostante, ma lavori di ripristino a seguito di un crollo del soffitto negli anni sessanta, hanno portato la disposizione allo stato attuale.

Bella e armoniosa è la sequenza architettonica dei portici a doppio ordine, aperti ad arco ribassato al piano terra, tamponati con sequenza ritmata di aperture al piano superiore.

La villa è ora aperta al pubblico come location per eventi 

HOME PAESE Cortenuova ARTICOLI Cortenuova ITINERARI Cortenuova EVENTI  Cortenuova NEGOZI Cortenuova MANGIARE Cortenuova DORMIRE  Cortenuova LOCALI Cortenuova SERVIZI Cortenuova AZIENDE Cortenuova CASE Cortenuova SCUOLE Cortenuova ASSOCIAZIONI Cortenuova ARTISTI Cortenuova WEB CAM Cortenuova VIDEO Cortenuova

CENE AZIENDALI – MEETING – CONGRESSI – PRESENTAZIONE PRODOTTI/SERVIZI – SFILATE DI MODA – 0363 992572

“Per noi un evento è il coinvolgimento emozionale dell’ospite. L’incontro tra impresa e cultura, tra il prodotto ed il suo cliente ideale, tra il contesto e il segmento di mercato. Ogni evento per noi è unico e deve emozionare. Esserci significa aver preso parte ad un’esperienza. Ogni ospite un protagonista, ogni prodotto una realtà di cui parlare, ogni evento una storia offline e online che non si conclude in un tempo ed un luogo preciso.” 

G.A.Marchetti

Pubblicato in Cortenuova Cosa Visitare, ITINERARI BERGAMO, MONUMENTI BERGAMO, PALAZZI BERGAMO, Palazzi Cortenuova, Palazzi Pianura Bergamasca, Pianura Bergamasca Cosa Visitare e PROVINCIA BERGAMO

SCHEDE SIMILI

Museo di Verdello Bergamo

Museo del territorio – Verdello

035 4191415 / 035 870234

Via XI Febbraio, Verdello, 24049 BG, Italia

Museo del territorio – Verdello Negli anni ottanta del secolo scorso, un agricoltore di origini mantovane, il signor Andrea Baraldini, trasferitosi da giovane nella provincia di Bergamo,… Read more…