I rifugi antiaerei – Dalmine

Le tracce del passato portano alla luce anche brutti ricordi, tragedie che ancora oggi ci fanno riflettere. I ricoveri antiaerei di Dalmine risalenti alla Seconda Guerra Mondiale ne sono un esempio. Nonostante siano trascorsi molti anni dalla loro costruzione e siano dismessi ormai da parecchio tempo, sono ancora lì, nei quartieri Leonardo da Vinci e Mario Garbagni, a testimoniare silenziosamente l’occupazione tedesca e la tragica devastazione del 6 luglio 1944.

  

Le acciaierie e la guerra. I due rifugi vennero costruiti nel corso del primo semestre dell’anno 1943, nei pressi del complesso delle acciaierie di Dalmine, conosciute allora come Officine Mannesmann. In quegli anni, l’Italia centro-settentrionale era occupata dalle forze tedesche e le acciaierie di Dalmine si erano impegnate, con l’accordo del 6 ottobre 1943, a garantire la produzione bellica per il Reich e per l’Italia in cambio di protezione militare per tutta la durata della guerra. Erano anni difficili, densi di preoccupazioni e di minacce belliche.

La costruzione dei due rifugi antiaerei. A Dalmine, dove il complesso edilizio della città si sviluppava per lo più nei pressi dell’impianto siderurgico, la necessità di difendersi dalle possibili incursioni aeree si concretizzò con la realizzazione di due ricoveri antiaerei: uno destinato al quartiere operaio Mario Garbagni, con capienza di cinquecento persone e l’altro, destinato agli impiegati e ai dirigenti d’azienda, nel quartiere Leonardo Da Vinci, che poteva ospitare almeno trecentosessanta persone.

«Per la costruzione sono stati preventivati l’impiego di 10mila quintali di cemento, 350mila mattoni, 60mila mattoni forati e 150 tonnellate di ferro. Inizialmente la costruzione di entrambe le opere venne affidata a una ditta di Milano, la Damioli che in data 9 febbraio cominciò le operazioni nel quartiere Garbagni, e subito dopo in quello  del Da Vinci.

Struttura e funzionamento dei bunker. I rifugi venivano raggiunti attraverso due profondi pozzi muniti di scala a chiocciola, che portavano a una profondità di circa venti metri, quota alla quale erano posizionale le gallerie destinate ad accogliere gli sfollati. I due corridoi misuravano uno sessanta e l’altro quarantacinque metri e lungo le pareti si sviluppavano dei sostegni in muratura destinati a portare panche di legno dove i presenti avrebbero trovato posto a sedere.

Le gallerie erano ricoperte da uno strato di terreno, allo scopo di rallentare la penetrazione delle bombe, evitando quindi che l’esplosione avvenisse a contatto diretto con la loro superficie. Lo spazio era organizzato e predisposto con accortezza: ogni ricovero disponeva di un locale destinato al pronto soccorso, di un comparto di ventilazione e di trattamento chimico dell’aria, di un locale riservato ai responsabili del rifugio e infine di due bagni. Per garantire il contatto con l’esterno, era presente un collegamento telefonico con il centralino della Direzione dello stabilimento, le cui operatrici erano preposte a ricevere le comunicazioni provenienti dalla centrale di allarme di Milano.

Al suono della sirena di allarme, chiunque si fosse trovato in casa avrebbe dovuto scendere nel rifugio più vicino secondo un protocollo ben preciso: bisognava mantenere la calma, munirsi di abiti caldi, di acqua, di viveri e di maschera antigas. Nei ricoveri non si poteva fumare e non erano ammessi animali. Chi, invece, si fosse trovato all’aperto, era invitato a sparire dalla circolazione cercando rifugio nei bunker, sotto i porticati, negli scantinati o ai piani terreni.

VIDEO BOMBARDAMENTO DALMINE

Il bombardamento del 1944. Il 6 luglio 1944, le strategie di sicurezza dei bunker servirono però a ben poco, perché due gruppi di bombardieri americani provenienti dal Sud Italia scaricarono settantasette tonnellate di bombe sopra la fabbrica senza che nessun segnale d’allarme fosse diramato. I bunker rimasero vuoti e il bombardamento costò la vita a duecentosettantotto (268) persone e più di ottocento feriti. Secondo l’inchiesta dell’indagine della commissione prefettizia del 1945, l’allarme fu lanciato dalla centrale tedesca di Milano con deplorevole ritardo. Dopo il 6 luglio 1944, almeno altri sei bombardamenti interessarono il comune di Dalmine, ma questa volta i ricoveri contribuirono alla salvezza di molte vite umane.

HOME PAESE Dalmine ARTICOLI Dalmine ITINERARI Dalmine EVENTI  Dalmine NEGOZI Dalmine MANGIARE Dalmine DORMIRE Dalmine LOCALI Dalmine SERVIZI Dalmine AZIENDE Dalmine CASE Dalmine SCUOLE Dalmine ASSOCIAZIONI Dalmine ARTISTI Dalmine WEB CAM Dalmine VIDEO Dalmine

Pubblicato in BERGAMO HINTERLAND Cosa Visitare, Dalmine Cosa Visitare, ITINERARI BERGAMO, MONUMENTI BERGAMO, Monumenti Storici Dalmine, PROVINCIA BERGAMO, RIFUGI GUERRA BERGAMO, Rifugi Guerra Bergamo HInterland, Rifugi Guerra Dalmine e ZONA ITINERARI BERGAMO

SPONSOR di Dalmine – Vuoi sostenere la pagina del tuo comune?

INFORMAZIONI

Attività DalmineNegozi DalmineAziende DalmineServizi DalmineLocali DalmineRistoranti DalminePizzerie DalmineItinerari DalminePaese DalmineComune DalmineDove andare DalmineInformazioni DalmineNotizie Dalmine Info Dalmine Storia DalminePersonaggi Dalmine Numeri Utili Dalmine Curiosità Dalmine Popolazione Dalmine Frazioni Dalmine Vivere Dalmine Informazioni Turistiche Dalmine Dalmine Comune Dalmine Informazioni Dalmine Paese Dalmine Fotografie Immagini DalmineDalmine FotografieFoto DalmineEventi DalmineScuole DalmineAssociazioni DalmineHotel DalmineDove Dormire DalmineOggi DalmineDove Mangiare Dalmine